Nuove alleanze in vitro

La collaborazione

Il 29 Agosto l’Istituto per le Scienze In Vitro (IIVS) ha reso noto che due importanti attori nella produzione e fornitura di ingredienti per l’industria della bellezza e della cura personale stanno collaborando con loro nello sviluppo di importanti alternative ai patch test e alla sperimentazione animale.

Il loro obiettivo è quello di soddisfare le esigenze di tossicologi e regolatori con lo sviluppo e convalida di un metodo per condurre la valutazione della sicurezza della sensibilizzazione della pelle totalmente in vitro.
Gli scienziati di BASF e Givaudan hanno infatti sviluppato il “Kinetic Direct Peptide Reactivity Assay” (Kinetic DPRA), un test non animale per prevedere la reazione allergiche nella pelle nota come sensibilizzazione.

Il test

Si tratta di un test di nuovo livello, secondo le parti coinvolte, il che significa che i metodi di sperimentazione in vitro potranno diventare molto più sofisticati.

Altri tre test sensibilizzanti “animal-free” sono stati accettati a livello internazionale. Tuttavia, il Kinetic DPRA ha il potenziale per andare oltre una risposta sì / no e predire la potenza di un sensibilizzatore, che è richiesto da alcune agenzie di regolamentazione.
Fino ad ora l’unico modo per prevedere le classificazioni di potenza era attraverso test sugli animali.

“Essere in grado di determinare la potenza con piccole modifiche del metodo DPRA, ben utilizzato e utilizzato regolarmente, è stato per noi molto attraente”, ha affermato il dott. Robert Landsiedel, vicepresidente del dipartimento di Tossicologia Sperimentale ed Ecologia, BASF. “Una volta convalidato, ci auguriamo che il Kinetic DPRA possa ovviare alla necessità di ulteriori test sugli animali per determinare la potenza delle sostanze chimiche e siamo lieti che IIVS si unisca ai nostri sforzi per dimostrare la validità del metodo.”

“Valutare la potenza dei sensibilizzatori della pelle è un passo essenziale nella valutazione del rischio per determinare i livelli di utilizzo sicuro, e abbiamo dimostrato che i dati cinetici sono fondamentali per questo” indica il Dr. Andreas Natsch, responsabile dello screening molecolare in vitro a Givaudan.

Obiettivo 2019

Il progetto di convalida è stato condotto nel corso del 2018. In caso di risultati positivi, il test sarà presentato all’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE) nel 2019.

“Siamo lieti di lavorare nuovamente con BASF e Givaudan per convalidare una tecnologia che sarà disponibile per molti settori industriali e applicazioni”, ha affermato Erin Hill, Presidente, IIVS. “La nostra capacità di partecipare a tali programmi è attraverso il generoso supporto dei nostri contributori.”

Altri laboratori partecipanti includono The Procter & Gamble Company(sviluppatore del DPRA originale), Charles River e l’Istituto Nazionale Ceco di Salute Pubblica.

Comments are closed.