OCULAR IRRITECTION®

Irritection® Assay System

Il Irritection® Assay System è un metodo di test in vitro standardizzato, quantitativo e animal free che può essere impiegato per rilevare, prevedere e classificare l'irritazione oculare e / o dermica potenziale di diversi tipi di cosmetici, prodotti di consumo, prodotti farmaceutici e prodotti chimici.

Poiché il sistema è affidabile, rapido ed economico, può essere facilmente utilizzato come complemento broad-screen o a sostituzione completa di metodi di prova più variabili, costosi e scadenti.

ocular irritection®, come funziona

L'irritazione corneale dei materiali di prova è nota per essere correlata alla loro propensione a promuovere la denaturazione e la distruzione delle proteine corneali. L'Ocular Irritection® Assay System è un metodo di test in vitro che riproduce questi fenomeni biochimici.

Questo test è costituito da due componenti essenziali:

  • Un disco a membrana che consente la consegna controllata del materiale di prova a una soluzione reagente e;
  • Una soluzione reagente proprietaria composta da proteine, glicoproteine, lipidi e componenti a basso peso molecolare che si auto-associano per formare una complessa matrice macromolecolare.

La miscelazione controllata del materiale di prova e della soluzione reagente durante il periodo di incubazione di prova favorisce la denaturazione e la disgregazione delle proteine ​​della matrice macromolecolare.
I cambiamenti nella struttura delle proteine ​​che sono indotti dal materiale del test possono essere facilmente quantificati misurando le variazioni risultanti nella torbidità (OD405) della soluzione di reagente.

Il confronto di queste misurazioni di densità ottica con quelle prodotte da agenti irritanti chimici standard consente il calcolo di un "punteggio di irritazione" che è stato dimostrato essere direttamente correlato alla potenziale irritazione corneale del materiale in esame.

CONSULTA IL POSTER

Accettazione del saggio "Ocular Irritection®"

  • Per ulteriori informazioni clicca qui.
  • Per scaricare l'articolo pubblicato su Toxicology InVitro clicca qui
  • Per accedere al Protocollo DB-Alm (DB-Alm Protocol n. 157) clicca qui